Ibiza con i bambini: dove andare e cosa fare

ibiza con i bambini

Il mare cristallino e il clima mite delle Baleari, rendono questo arcipelago ideale per le vacanze con i bambini, anche fuori stagione. In particolare Ibiza  – chiamata per la prima volta da Plinio il Vecchio La Pitiusa (dal greco πιτύα, pitýa, pino, per la grande presenza di questi alberi sull’isola) – è una destinazione molto conosciuta per le sue spiagge, ma ha molto di più da offrire alle famiglie. La facilità con cui sono reperibili attrezzature specifiche per bambini nei ristoranti (dai seggioloni, agli scalda biberon), i molti kids club (anche con personale parlante italiano) presenti negli hotel e la possibilità di noleggiare auto munite di seggiolini per il trasporto sicuro dei più piccini, sono solo alcuni dei motivi che rendono Ibiza un luogo adeguato a una vacanza in famiglia. Inoltre, la sua storia, il patrimonio culturale e la ricca offerta di attività avventurose o meno per i più giovani, garantiscono la possibilità di non annoiarsi mai.



Ibiza per gli instancabili e i temerari

A Ibiza le famiglie più avventurose non hanno che da scegliere: dai tour in kayak ai go kart, l’isola ha tutto ciò che serve per mantenere alti i livelli di adrenalina di grandi e piccini. Al Paint Ball Lounge Party ragazzi dagli 8 anni in poi possono divertirsi con le proprie famiglie, mentre al Balloon Park Ibiza coloro che non soffrono di vertigini hanno la possibilità di godere della vista dell’isola dall’alto di una mongolfiera, con voli a 90m di altezza durante il giorno e di addirittura 120m dopo il tramonto.

Sono molti gli sport d’acqua:  moto d’acqua, wakeboard, banana boat e sci nautico. Anche i più piccoli possono cimentarsi nelle prime immersioni grazie ai molti centri diving presenti sull’isola.

Nell’entroterra ci si può cimentare in arrampicate, tour in mountain bike, trekking e nordic walking: un luogo imperdibile da raggiungere in escursione è Sa Talaia, il punto più alto geograficamente dell’isola, che può essere raggiunto partendo dal tranquillo villaggio di San Jose. Non dimenticate la macchina fotografica poiché questo è uno dei migliori punti panoramici dell’isola, che offre scorci indimenticabili su Es Vedra, Formentera e le spiagge di Ibiza.

Non mancano le offerte per le escursioni a cavallo: a San Joan de Labritja, nel nord dell’isola, il centro per riabilitazione per equini Ibiza Horse Valley, organizza escursioni tutto l’anno: il tour breve (circa 4-5 ore) attraversa le montagne, mentre l’itinerario completo dura circa 8 ore e porta al mare dove, in determinati mesi, è possibile fare il bagno con i cavalli. Specializzata in equitazione per bambini, la scuderia Es puig a San José, offre tutto l’anno lezioni per bimbi dai 4 anni in su e attività di avvicinamento ai cavalli per tutte le fasce d’età.

Imperdibile una visita ai parchi acquatici dell’isola: al Sirenis Aquagames a Port des Torrent i più grandicelli approfittano volentieri degli altissimi scivoli, mentre i piccoli tra i 2 e i 4 anni si godono l’acqua in aree decorate con figure di animali e palme da pioggia, e ai bambini dai 4 ai 10 anni è dedicata un’intera area a tema “Pirati dei Caraibi” con scivoli adatti alla loro età.



Tra storia e cultura: molte offerte per i piccoli esploratori

L’intera Ibiza è ricca di un grande patrimonio culturale e storico: nel corso dei secoli, è stata una importante via di comunicazione grazie alla sua posizione privilegiata nel Mediterraneo – ponte tra l’Europa e il Nord Africa – e un punto di convergenza e scambio tra popoli e culture. L’insediamento fenicio di Sa Caleta, dichiarato Patrimonio dell’Umanità Unesco, risale al VIII secolo a.C. una vera e propria urbanizzazione costruita dai fenici per la prossimità alle saline da cui traevano questo bene prezioso al centro del loro commercio (il sito è visitabile gratuitamente tutto l’anno), mentre il Santuario Punico di Es Culleram, a Cala de San Vicent, è una grotta naturale in cui è possibile vedere reperti storici risalenti al periodo dell’insediamento dei fenici compreso tra il IV e il II secolo a.C. ed è aperto da maggio a ottobre tutti i giorni. Gli amanti della tecnologia possono imparare divertendosi nei musei interattivi di Dalt Vila di Ibiza: nel museo Baluard de Sant Pere si va alla scoperta di come sono state costruite le mura della città vecchia, mentre al Baluard de Sant Jaume sono presentate le armi nell’epoca Rinascimentale spagnola e sono a disposizione per essere provate.

ibiza

Attività Green

Per i più piccolini e gli amanti della natura a basso sforzo, le soluzioni sono molteplici. Il Parco Naturale di Ses Salines a Sant Francesc, è facilmente visitabile in bicicletta ed è uno spazio naturale che ingloba un congiunto di habitat terrestri e marini di valore storico, culturale e ambientale (oltre che paesaggistico). Non è raro imbattersi nelle specie di uccelli migratori – tra cui molte grette e fenicotteri – che qui vengono a riposarsi e nidificare.

Le grotte naturali di Can Marçà sono il risultato dei capricci della natura nel corso dei secoli e mostrano stalagmiti, stalattiti e piccoli laghi interni. La grotta fu scoperta all’inizio del XX secolo dai contrabbandieri, per i quali il labirinto sotterraneo costituiva un luogo ideale per nascondere la propria mercanzia. Oggi è possibile ripercorrere le loro orme attraverso i passaggi segreti che si intrecciano attraverso la grotta in un tour guidato di 40’, in un percorso in cui ammirare stalattiti, stalagmiti e fossili e a seguire la sala dei laghi, una processione di laghetti sotterranei con acqua di color smeraldo, il cui colore è dovuto al muschio che copre le rocce sotto la superficie. Continua fino al tempio di Buddha, dove stalattiti e stalagmiti si sono congiunte, formando alti pilastri più stretti al centro. Il punto forte di Cova de Can Marçà è la cascata, una coltre d’acqua che scende dolcemente dai livelli superiori della grotta fino alle profondità sottostanti, illuminata da luci variopinte e resa ancora più affascinante dagli effetti sonori. E’ ancora possibile distinguere i segni neri e rossi che segnalavano l’ingresso e l’uscita delle grotte per i contrabbandieri.
Un’altra grotta molto particolare è quella di Cala Graciò a San Antoni, sede dell’Acquario Cap Blanc. Qui si possono osservare le principali specie marine del mediterraneo – ma anche uova di squalo, spugne di mare e altri invertebrati marini – questo luogo unico è utilizzato anche per il recupero degli animali feriti, in particolare le tartarughe marine. I più affezionati alla campagna hanno da divertirsi vestendo i panni di piccoli contadini presso la fattoria Can Muson, che organizza tour alla scoperta degli animali, laboratori – tra cui quello dedicato alla preparazione del pane – e degustazioni di prodotti tipici.

Per i piccoli Fashion Victim

Gli appassionati di shopping possono stare tranquilli: Ibiza è famosa per i suoi mercatini e il suo artigianato. I nostalgici degli anni ’70 possono curiosare tra i mercatini hippy di cui l’isola è orgogliosa: tra i più celebri ci sono il Las Dalias, aperto tutti i sabati dell’anno durante il giorno, e l’Hippy Market a Punta Arabì. Questo mercatino è organizzato ogni mercoledì da aprile a ottobre e propone vari laboratori per bambini, tra cui quello per la creazione di collane di fiori in vero stile hippy.

comunicato stampa

foto: Pixabay

Barbara Vellucci

Web editor, blogger, content producer e social media addicted! Amo i viaggi e la fotografia ed è per questo che ho deciso di far partire l'avventura di BreathTrip :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *