Barack Obama a Milano: Ceres celebra i… baracchini!

barack obama ceres

L’ex Presidente americano Barack Obama sta trascorrendo due giorni a Milano. Tra i tanti impegni che Obama ha in agenda, anche, e soprattutto, quello che lo ha portato a tenere un discorso di mezz’ora presso il summit internazionale Seeds & Chips che si sta svolgendo a Rho Fiera. Nell’intervento dell’ex inquilino della Casa Bianca hanno trovato spazio temi a lui molto carini: cambiamenti climatici, sostenibilità ambientale e anche alimentazione. Tutti temi che sono stati preponderanti durante la sua presidenza di otto anni alla guida degli Stati Uniti e che oggi sarebbero stati parzialmente rivisti e corretti da Donald Trump, che lo ha succeduto alla carica.

L’arrivo e la permanenza di Barack Obama a Milano sono stati seguiti minuto per minuti dai cittadini e dai turisti che affollano il capoluogo lombardo. La presenza di Obama in città non è sfuggita neppure a Ceres, noto marchio che produce birra, sempre molto attento all’attualità e a quello che accade di rilevante.

Milano celebra Barack Obama e Ceres celebra… i baracchini!

Puntando sul fatto che Barack Obama è venuto a Milano soprattutto con lo scopo, istituzionale, di parlare di alimentazione, Ceres ha pensato bene di giocare sul nome dell’ex Presidente a stelle e strisce per celebrare i tanti baracchini (barac-chini ^^) di Milano che sfamano e dissetano cittadini e turisti ad ogni ora del giorno e della notte.

La campagna Ceres ha quindi prodotto una serie di manifesti che sono stati pubblicati sulla stampa e diffusi sui social, in cui campeggiano le figure di alcuni baracchini di Milano e il messaggio: “Milano celebra Barack. Ceres celebra i baracchini. Un ex Presidente in città è importante. Ma panino e birra sotto casa sono fondamentali“.

Ecco alcuni dei manifesti pubblicitari prodotti da Ceres per questa iniziativa:

barack obama ceres

barack obama ceres

in collaborazione con CeresBuzzoole

Barbara Vellucci

Web editor, blogger, content producer e social media addicted! Amo i viaggi e la fotografia ed è per questo che ho deciso di far partire l'avventura di BreathTrip :-)

Rispondi