Isole Baleari in inverno: cosa fare e cosa vedere

isole baleari in inverno

Better in Winter è la nuova strategia promozionale europea ideata dall’Ente del Turismo delle Isole Baleari (ATB) per valorizzare Maiorca, Minorca, Ibiza e Formentera in inverno. L’obiettivo primario è quello di dare visibilità alle isole tutto l’anno puntando sull’ampio ventaglio di eventi e attività, raggiungendo così diverse tipologie di viaggiatori e andando oltre l’offerta mare tipica della stagione estiva.



Isole Baleari in inverno: su cosa si sta lavorando

La promozione dell’offerta invernale in termini di eventi, esperienze e attività sul territorio è il punto di partenza per distribuire il flusso di turisti dell’estate anche negli altri mesi al fine di sviluppare un modello di turismo compatibile con la protezione delle risorse naturali.

Per spingere l’offerta degli eventi sportivi e culturali durante l’inverno, l’Ente del turismo si è attivato nella ricerca di sponsor e nello sviluppo di attività di co-marketing con i principali operatori turistici.

Sul fronte comunicazione, si è dato il via ad una strategia digitale che prevede un nuovo sito completo ed aggiornato che permette di indirizzare differenti target di visitatori a seconda della stagione e attività social. Per diffondere al meglio la strategia, si è anche avviata la comunicazione nei mercati esteri attraverso l’incarico di agenzie di pubbliche relazioni in Spagna, Francia, Germania, Regno Unito e in Italia con AIGO.

E ancora, altro importante obiettivo e quello di dare risalto ad alcuni prodotti turistici legati a cultura, natura, gastronomia, sport e MICE, che possono essere goduti e vissuti anche durante i mesi invernali e che possono diventare di per sé una ragione per il viaggio.

isole baleari in inverno minorca

Isole Baleari in inverno: cosa offrono

Le isole vantano infatti un patrimonio culturale unico, partendo da Dalt Vila, la parte più antica della città di Eivissa nell’isola di Ibiza, già Patrimonio UNESCO, all’isola di Minorca candidata per i suoi monumenti megalitici, per proseguire con la catena montuosa La Serra de Tramuntana a Maiorca anche essa tra i siti Unesco nella categoria o ancora la fondazione Pilar e Joan Miró, che quest’anno celebra il suo 25° anniversario.

Sotto il profilo naturalistico, le Isole Baleari sono un vero paradiso, con il Parco Naturale di Ses Salines a Ibiza e Formentera, S’albufera di Es Grau a Minorca è un luogo unico per il birdwatching e non vanno dimenticate le praterie sottomarine di Posidonia Oceanica a Formentera per la notevole importanza ecologica grazie all’azione di protezione della costa dall’erosione e alla presenza di molti organismi animali e vegetali che nella prateria trovano nutrimento e protezione.

E ancora le Baleari sono anche una destinazione ideale per lo sport nei mesi invernali e offrono un’ampia gamma di attrazioni sportive quali maratone, gare di triathlon, ciclismo, trekking e vela con la possibilità di godere di paesaggi unici.

Non va dimenticato l’aspetto gastronomico che include molte materie prime di qualità e una varietà molto ampia di ristoranti aperti durante tutto l’anno. Le Baleari contano tre denominazioni di origine protetta: l’olio extra vergine, l’oliva di Maiorca e il formaggio di Mahon a Minorca e i vini di denominazione protetta DO Binissaleme e DO Vins Pla i Llevant, di Mallorca. Infine sono nove i ristoranti con una stella Michelin a Maiorca e un decimo insignito di due stelle.

E infine l’offerta MICE (Meetings, incentives, conferences and exhibitions), rappresenta un prodotto in grande sviluppo sia per l’accessibilità delle isole a poche ore dall’Italia sia per le numerose attrazioni che offrono per incentive tour e attività post congresso. Ad aprile verrà inoltre inaugurato un ampio Palazzo dei Congressi con hotel annesso a Palma di Maiorca gestito dal gruppo Melià Hotels con capacità ad accogliere circa 2.440 ospiti e anche l’isola di Ibiza è dotata di un importante Pala Congressi a Santa Eulària des Riu fronte mare.

foto: Pixabay

Barbara Vellucci

Web editor, blogger, content producer e social media addicted! Amo i viaggi e la fotografia ed è per questo che ho deciso di far partire l'avventura di BreathTrip :-)

Rispondi