Come muoversi ad Amsterdam: le soluzioni migliori

amsterdam

Non so voi ma una delle prime cose che io faccio quando devo partire, è informarmi sui mezzi di trasporto che troverò nel luogo in cui andrò.



Amo muovermi a piedi, vivere le città camminando fra le vie, e quindi per me è fondamentale avere un’idea abbastanza chiara di che mezzi avrò a disposizione. E così è stato anche quando ho iniziato a pensare al mio viaggio ad Amsterdam.

C’è da dire che non è sempre facile prevedere con certezza quali potrebbero essere le soluzioni migliori mentre si sta in viaggio. Certo, ci si può informare, e le tantissime risorse presenti online sono di grande aiuto. Ma solo l’esperienza diretta potrà portare ad un bilancio concreto.

Faccio un esempio. Quando sono andata a Parigi o Londra non ho avuto dubbi: sarei partita avendo in tasca le card per il trasporto pubblico, diligentemente ordinate e fatte arrivare a casa diverso tempo prima di partire. Fondamentali per due metropoli, tanto più se si arriva in aeroporto e non si vuole perdere tempo per capire quale possa essere la soluzione migliore per arrivare in centro e acquistare il relativo biglietto.

amsterdam

Per Amsterdam m’è venuto il dubbio invece. Che fare?! Avevo coscienza del fatto che territorialmente Amsterdam non ha certo l’estensione di Londra o Parigi e quindi, almeno inizialmente, ho evitato di preordinare una carta per il trasporto pubblico che avrebbe coperto tutto il mio soggiorno nella capitale olandese. Avevo puntato la I Amsterdam City Card ma i prezzi mi sembravano piuttosto alti (non avendo intenzione di sfruttare tutto quello che consente di fare) e quindi ho lasciato perdere.

amsterdam

Poi però ho scoperto che c’era un’altra tessera, esclusivamente per il trasporto pubblico, l’Amsterdam Travel Ticket, che per tre giorni mi costava solo 25 euro (viaggi da e per Schiphol compresi) e allora mi sono fatta tentare e l’ho acquistata. Devo ammettere però che poi l’ho utilizzata davvero poco: come immaginavo ad Amsterdam ci si muove benissimo a piedi, per cui, personalmente, se dovessi tornare opterei per questa soluzione: non acquisterei alcuna tessera e punterei piuttosto ai singoli biglietti.

Qualora invece volessi visitare musei e attrazioni, avere sconti e offerte speciali e fare un giro in battello gratuito (oltre che a poter usufruire dell’intera rete di trasporto), punterei di certo sull’I Amsterdam City Card.

Barbara Vellucci

Web editor, blogger, content producer e social media addicted! Amo i viaggi e la fotografia ed è per questo che ho deciso di far partire l'avventura di BreathTrip :-)

Rispondi