Amsterdam: 7 cose da sapere prima di partire

amsterdamSono appena tornata da un meraviglioso viaggio di quattro giorni ad Amsterdam (con tappa ad Utrecht) ed è inutile dire che mi sono letteralmente innamorata di questa città e di tutta l’Olanda in generale. Ho scoperto di avere una particolare predilezione per i Paesi del Nord Europa ed è per questo che i prossimi viaggi li vorrei organizzare proprio in quella zona.



Di Amsterdam e dell’Olanda ho amato soprattutto i colori, il piacere di camminare lungo le sue strade (una delle cose che amo fare di più) che sono trafficate soprattutto di biciclette; l’atmosfera da fiaba perenne, con quelle case meravigliose, i ponti, i canali, i cieli d’ottobre che sembrano dipinti… Amsterdam è una delle migliori città al mondo (studio PwC) e adesso che ho avuto l’opportunità di visitarla e di viverla per qualche giorno non ho più alcun dubbio che sia così.

Di itinerari, di cose da fare e di cose da vedere ad Amsterdam e in Olanda in generale, in rete ve ne sono in abbondanza ed è per questo che ho deciso di fare una sorta di elenco di quello che ha colpito me nel corso del mio soggiorno. Fra le altre cose che segnalo potrebbero esservi informazioni utili che potete sfruttare qualora non siate mai stati in Olanda e avete in programma di andare.

amsterdam amsterdam amsterdam amsterdam

Amsterdam: cose da sapere prima di partire

  • Come vi avevo segnalato in un articolo precedente, dall’estero non si possono acquistare in anticipo i biglietti del treno sul sito delle ferrovie olandesi (a patto che non abbiate un conto su una delle banche locali). Nell’articolo segnalo qual è la soluzione alternativa che si può sfruttare – e che io stessa ho utilizzato per avere i biglietti prima di partire.
  • Non servono adattatori per le prese perché quelle olandesi sono uguali alle nostre. Al massimo portate un adattatore per le prese più grandi (come quelle che in genere hanno gli asciugacapelli e che di solito possono servire anche negli hotel italiani).



  • Se vi piace camminare e siete abituati a macinare chilometri, evitate di acquistare cose come l’Amsterdam Travel Ticket perché molto probabilmente la usereste pochissimo o per nulla affatto. Io ho acquistato quella da tre giorni ma alla fine l’ho sfruttata praticamente soltanto per i trasferimenti in treno da e per l’aeroporto di Schiphol (che sono compresi). Per il resto mi sono mossa quasi esclusivamente a piedi e solo in un paio di occasioni ho preso i mezzi. Calcolando la cifra spesa per la card (25 euro) forse avrei sborsato di meno acquistando i singoli biglietti. Molto meglio acquistare l’I Amsterdam City Card, che consente di entrare gratis nei principali musei e nelle principali attrazioni della città.
  • Attenzione alle biciclette quando siete in strada. Distrarsi un attimo può comportare conseguenze piuttosto spiacevoli e le due ruote sono tantissime in Olanda (in particolare ad Amsterdam). Perciò guardate bene prima di attraversare la strada, soprattutto le piste ciclabili. Una volta che ci si abitua diventa tutto molto automatico ma all’inizio potreste avere qualche problema.
  • Se volete risparmiare qualche euro sulla sistemazione alberghiera, evitate tranquillamente gli hotel del centro e accanto alla stazione ferroviaria di Amsterdam Centraal. Allontanandosi un po’ dal centro si risparmia e ci si troverà comunque in una zona comoda per raggiungere i principali luoghi di interesse. Oltre al fatto che Amsterdam non è molto grande se paragonata ad altre città come Parigi o Londra, può contare su un’ottima rete di trasporti che in pochi minuti possono condurre ovunque.
  • Se programmate un soggiorno superiore ai tre giorni, prendete in considerazione l’idea di spostarvi in altre città dell’Olanda. La bellezza di questo piccolo Paese sta anche nel fatto che per raggiungere le altre città, partendo da Amsterdam, occorrono davvero pochi minuti di viaggio in treno. Utretch dista circa 27 minuti dalla Capitale, Delft circa 57, Rotterdam un’ora e 10 circa con i treni più veloci.
  • Capitolo Quartiere a Luci Rosse di Amsterdam (il Red Light District o De Wallen). Prima di andare a curiosare avevo letto un bel po’ di raccomandazioni su questa zona, e non in merito al tipo di cose che si sarebbero viste ma al tipo di incontri spiacevoli che si sarebbero potuti fare (spacciatori, scippatori o ubriachi). Essendo sola ho preferito andare nel tardo pomeriggio e infatti la situazione era piuttosto tranquilla, sembrava quasi di stare in un quartiere del tutto normale. Non so se la sera si cambi registro ma io personalmente non ho avuto esperienze negative da segnalare. Unica cosa che mi preme ricordare: come segnalano le decine di cartelli esposti davanti ad ogni vetrina in cui ci sono le prostitute, evitate di fotografare le ragazze.

amsterdam amsterdamamsterdam amsterdam amsterdam amsterdam

Barbara Vellucci

Web editor, blogger, content producer e social media addicted! Amo i viaggi e la fotografia ed è per questo che ho deciso di far partire l'avventura di BreathTrip :-)

6 commenti:

  1. Pingback:Euromaster Life, il mio amico di riferimento per i viaggi - BreathTrip

  2. Pingback:Come muoversi ad Amsterdam: le soluzioni migliori - BreathTrip

  3. Sono stata due volte in questa meravigliosa città, e come ben dici le biciclette sono “croce e delizia” di questo posto, visto che… è bellissimo usarle e vederle sfrecciare per le strade ma da pedone sono davvero da tenere d’occhio! Per quanto riguarda il Red Light District invece la via principale è piuttosto tranquilla anche sul tardi, magari gli incontri spiacevoli si riferiscono piuttosto alle zone interne meno “turistiche”! 🙂

    • Barbara Vellucci

      Hai visitato altre città dell’Olanda?

      • Sono stata solo a Zaandam e Zaansche Schan durante l’Inter Rail, due paesini a poche fermate di treno da Amsterdam, il primo è un piccolo polo dedicato allo shopping, il secondo è il paese dei mulini a vento! Trovi foto e dettagli sul mio blog a questo link: http://wp.me/p4gJP6-8P

      • Barbara Vellucci

        Guardo!!! Io sono stata a Utrecht ma avrei voluto avere almeno un giorno in più per visitare qualche altro posto. Il pregio dell’Olanda è che tutto così facilmente raggiungibile

Rispondi