Cantine Moser: vini trentini doc, tra tradizione e innovazione

Ho avuto modo di visitare le Cantine Moser il mese scorso, in occasione della Moserissima 2015, la prima ciclostorica organizzata dalla città di Trento, dedicata ad un grandissimo ciclista che tante emozioni e tante vittorie ha regalato in questo sport: Francesco Moser. Grazie alla Apt Trento, che per due giorni mi ha ospitata nella città trentina, ho potuto, per la prima volta nella mia vita, entrare in una vera cantina. E che cantina! 

Le Cantine Moser si trovano a Maso Villa Warth, un’incantevole tenuta in Via Castel di Gardolo 5 (nella gallery sotto tutte le foto). Percorrendo la strada che porta fino ad essa, si giunge infine al piccolo borgo che domina la città di Trento e da cui si può ammirare un paesaggio che lascia senza fiato – e di cui prossimamente parlerò.

Devo ammettere di essere stata piuttosto fortunata perché ho potuto visitare le Cantine Moser in un’occasione del tutto particolare: la Moserissima 2015 ha fatto sì che tutta la tenuta fosse in festa, in attesa dell’arrivo dei ciclisti, che lì avrebbero dovuto effettuare il secondo ristoro previsto per la gara. Il 18 luglio, giorno in cui sono arrivata, le Cantine Moser sono state dunque preparate per accogliere l’evento.

L’azienda è però strutturata per accogliere clienti e visitatori e al suo interno cela un luogo magico che nessun appassionato di ciclismo dovrebbe farsi sfuggire: il museo dedicato a Francesco Moser (per prenotare la vostra visita con degustazione cliccate qui). Il grande campione di ciclismo si occupa da anni della produzione di vini ed è affiancato in tutto ciò dai suoi figli (Francesca, Carlo e Ignazio) e dal nipote Matteo, l’enologo delle Cantine Moser: è proprio la conduzione familiare dell’azienda a colpire, perché si respira un profumo di tradizione e radici solide che soltanto realtà di questo tipo possono emanare.

Cantine Moser: i vini

Le Cantine Moser producono i tipici vini trentini doc. L’azienda è particolarmente attenta ai terreni e all’ambiente, impiegando anche sistemi di energia sostenibile. Fra i vini prodotti vi sono i rossi corposi Cabernet, Merlot e Teroldego (le cui uve crescono nella zona di Sorni); i bianchi a base spumante Müller Thurgau e Chardonnay (zona di Giovo); i vini bianchi Riesling, Moscato Giallo e Chardonnay e il rosso Lagrein (vigneti di Maso Villa Warth).

Cantine Moser: 51,151

Si tratta di uno spumante metodo classico Trento Doc (vitigni Chardonnay e Pinot nero, a Maso Villa Warth). La particolarità di questo spumante – oltre al fatto, ovvio, che si tratta di un prodotto di altissima qualità – è che il suo nome – 51,151 – deriva dal telaio celebrativo per la vittoria del 1984, a Città del Messico, in cui Francesco Moser percorse appunto 51 chilometri e 151 metri in sessanta minuti, battendo così il precedente record di Eddy Merckx.

Se desiderate altri dettagli sulle Cantine Moser cliccate qui per visitare il sito dell’azienda.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Barbara Vellucci

Web editor, blogger, content producer e social media addicted! Amo i viaggi e la fotografia ed è per questo che ho deciso di far partire l'avventura di BreathTrip :-)

5 commenti:

  1. Pingback:Moser Rosé 2011: presentato il nuovo nato di casa Moser | BreathTrip – Portale di Viaggi, Lifestyle ed Eventi

  2. Pingback:Monte Bondone: vacanze a due passi da Trento | BreathTrip – Il Portale dei Viaggi

  3. Pingback:Moserissima 2016: come iscriversi | BreathTrip – Il Portale dei Viaggi

  4. Pingback:Cantine Moser: laboratorio ‘La nascita di un TrentinoDoc’ |

  5. Pingback:Visitare Trento, il Monte Bondone e la Valle dei Laghi |

Rispondi